MassaMarittima.info il portale dell'Alta Maremma Toscana Massa Marittima
home forum links contattaci chi siamo statistiche
VOLEVO SOLO DORMIRLE ADDOSSO   VOLEVO SOLO DORMIRLE ADDOSSO  Cinema d'autore 28-01-05
E-Mail info@massamarittima.info
DATA 27/01/2005 23:48:18
Titolo Cinema d'autore 28-01-05
Testo Cinema Teatro Mazzini, ore 21.15

Nazione: Italia
Anno: 2004
Genere: Commedia
Durata: 96'
Regia: Eugenio Cappuccio

CAST: Giorgio Pasotti, Cristiana Capotondi, Eleonora Mazzoni, Carlo Freccero


- 25: questo è l'obbiettivo - anzi il target - conferito a Marco Pressi (Giorgio Pasotti) dalla propria azienda. Venticinque sono i colleghi che Marco, un giovane manager addetto alla selezione ed alla formazione del personale, dovrà """"dimissionare"""" entro la fine dell'anno. Ha pochi mesi per farlo, se vi riuscirà avrà in cambio una carriera luminosa e munifici bonus. """"Volevo solo dormirle addosso"""", presentato nella Sezione """"Mezzanotte"""" alla 61ª Mostra del Cinema di Venezia, diretto da Eugenio Cappuccio, è tratto da un romanzo di Massimo Lolli che ne ha curato anche la sceneggiatura. Le opere di Lolli hanno inaugurato - secondo i critici letterari - un nuovo filone definito erotico-aziendale (?). Su questa falsa riga mi sento di dire che il film ha la sua parte migliore quando affronta le tematiche dei difficili rapporti all'interno dell'azienda quando quest'ultima versa in uno stato di crisi. Le interrelazioni e le dinamiche che vengono rappresentate con uno stile asciutto e misurato da Cappuccio sono quelle giuste e rappresentano con un sufficiente stato di approssimazione la realtà. Apprezzabile anche la ricerca sul linguaggio adoperato in tali situazioni che ci propina perle espressive come """"rimentalìzzami"""" o """"disagio emotivo"""". Anche le turbate psicologie dei dipendenti sottoposti ai colloqui """"informativi"""" sono ben descritte così come discretamente approfondito è il travaglio di Marco, il tagliatore di teste, costretto tra il compito impostogli e gli scrupoli morali causatigli dall'attività che deve portare a termine. Dicotomie interiori che lo conducono a stati di coscienza quasi alterati come testimonia la frase che è solito dire a chiunque gli faccia un favore: """"Ti stimo molto"""". Espressione che alla fine del film diventa un vero e proprio tormentone.

Rispondi a questo messaggio

Torna al FORUM
 
Massa Marittima
  © MASSAMARITTIMA.INFO 2002-07 home forum links contattaci chi siamo statistiche
Massa Marittima
| CITTÀ | TURISMO | SERVIZI | FOLKLORE | EVENTI | CULTURA | MASSAVIVA | FOTO | NOTE LEGALI |
Massa Marittima
Massa Marittima