MassaMarittima.info il portale dell'Alta Maremma Toscana Massa Marittima
home forum links contattaci chi siamo statistiche
Monteregio di Massa Marittima   Massa Marittima
Denominazione di Origine Controllata

DEGUSTANDO IL MONTEREGIO

ANALISI OLFATTIVA

Il giudizio di sintesi
Per arrivare a dare un giudizio complessivo, dobbiamo legare tutte le considerazioni che abbiamo fatto sino ad ora.

Abbiamo già anticipato come il naso tenda ad assuefarsi rispetto ad un profumo intenso, classificandolo e passando ad analizzarne un altro, magari meno intenso. Tale comportamento, associato alla differente volatilità delle sostanze responsabili degli odori, determina un percorso di analisi ben preciso.

Procedendo con ordine, innanzitutto evidenzieremo nel vino la tonalità dominante, ovvero la tonalità olfattiva che tende a prevalere sulle altre componenti odorose: sarà abbastanza facile ricercare a quale tra le grandi famiglie di profumi appartenga tale componente, ovvero se ci troviamo di fronte ad una tonalità floreale, fruttata, animale o speziata.

Quindi procederemo a ricercare all’interno della grande famiglia l’elemento naturale che più le si avvicina: fiori bianchi, frutta a polpa rossa, frutta esotica…
Successivamente cerchiamo di evidenziare il singolo elemento, quale ad esempio i fiori di arancio, la mela, il ribes…

Alla fine di questo percorso a tappe, saremo in grado anche di qualificare l’origine dei profumi riconosciuti, classificandoli in primari, secondari e terziari, e procedendo anche ad ampliare tutte le ipotesi che avevamo già formulato al momento dell’esame visivo.

Vediamo un po’ di terminologia, in grado di aiutarci nell’analisi del profumo:
- fruttato: vino abbastanza giovane, di solito bianco, decisamente caratterizzato da un insieme di note di frutta;
- fragrante: i sentori di frutta e di fiori sono particolarmente marcati, freschi e piacevoli;
- aromatico: quando prevalgono gli aromi primari, legati alla tipologia dei vitigni impiegati;
- vinoso: quando il vino è ancora giovane, ed a prevalere sono i sentori che richiamano i profumi del mosto;
- fresco: quando i profumi sono vivi, dando alla mucosa un senso di freschezza;
- etereo: caratteristica dei vini invecchiati, sono legati alle evoluzioni alcoliche che intervengono nel corso dell’invecchiamento;
- boisè: quando è marcato il profumo del legno, derivante dalla conservazione del vino nelle barrique.

Il gusto

precedente

Inizio pagina

 

Argomenti correlati:
... Introduzione
... Esame Visivo
... Analisi Olfattivo
... Il Gusto
... Storia del Castello di Monteregio
... Maggiori informazioni riguardo il disciplinare del Monteregio di Massa Marittima

 
Massa Marittima
  © MASSAMARITTIMA.INFO 2002-05 home forum links contattaci chi siamo statistiche
Massa Marittima
| CITTÀ | TURISMO | SERVIZI | FOLKLORE | EVENTI | CULTURA | MASSAVIVA | FOTO | NOTE LEGALI |
Massa Marittima
Massa Marittima